Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti


Community

Home > Community > Notizie > Archivio > ??? NavText ??? > DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DI LISTA

DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DI LISTA

4 giugno 2018

ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 10 GIUGNO 2018

 Designazione dei rappresentanti di lista.


 I delegati delle liste dei candidati possono designare due propri rappresentanti, di cui uno effettivo e l’altro supplente.

Le designazioni possono essere presentate:

― entro il venerdì che precede l’elezione alla segreteria del comune che ne cura la trasmissione ai presidenti di seggio insieme alle carte e agli oggetti occorrenti per la votazione e lo scrutinio;

― il sabato pomeriggio, direttamente ai singoli presidenti di seggio, durante le operazioni di autenticazione delle schede;

― la domenica mattina, prima che abbiano inizio le operazioni di voto.

 Nell’ipotesi in cui la designazione sia presentata direttamente ai singoli presidenti di seggio, il sindaco consegna al presidente di ogni seggio, contemporaneamente agli oggetti e alle carte occorrenti per le operazioni di votazione e scrutinio, l’elenco dei delegati che non hanno ancora designato i propri rappresentanti.

 I presidenti di seggio, al momento della designazione dei rappresentanti di lista, devono verificarne la regolarità, tenendo presente che:

1) la designazione è ammissibile solo se fatta da uno dei delegati indicati nella dichiarazione di presentazione della lista dei candidati;

2) il rappresentante di lista designato deve essere elettore del comune: tale requisito è verificabile dalla tessera elettorale in possesso del designato;

3) il rappresentante di lista deve saper “leggere e scrivere” (tale requisito può essere accertato nel modo ritenuto più opportuno);

4) la designazione deve essere fatta per iscritto e la firma dei delegati deve essere autenticata da uno dei soggetti di cui all’art. 14 della legge n. 53/1990.

 Si riporta, in estratto, l’art. 14, comma 1, della legge n. 53/1990, come modificato, da ultimo, dall’art. 6, comma 6, lettere a) e b) della legge 3 novembre 2017, n. 165: “Sono competenti ad eseguire le autenticazioni i notai, i giudici di pace, i cancellieri e i collaboratori delle cancellerie delle corti di appello, dei tribunali e delle sezioni distaccate di tribunale, i segretari delle procure della Repubblica, i presidenti delle province, i sindaci metropolitani, i sindaci, gli assessori comunali e provinciali, i componenti della conferenza metropolitana, i presidenti dei consigli comunali e provinciali, i presidenti e i vicepresidenti dei consigli circoscrizionali, i segretari comunali e provinciali e i funzionari incaricati dal sindaco e dal presidente della provincia.

Sono altresì competenti … i consiglieri provinciali, i consiglieri metropolitani e i consiglieri comunali che comunichino la propria disponibilità, rispettivamente, al presidente della provincia e al sindaco”.

 

Le modalità di autenticazione sono quelle di cui all’art. 21, comma 2, del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 (Testo unico sulla documentazione amministrativa), a norma del quale:

― l’autenticazione deve essere redatta di seguito alla sottoscrizione e consiste nell’attestazione, da parte del pubblico ufficiale, che la sottoscrizione stessa è apposta in sua presenza previo accertamento dell’identità della persona che sottoscrive;

― il pubblico ufficiale che autentica deve indicare le modalità di identificazione, la data e il luogo dell’autenticazione, il proprio nome e cognome e la qualifica rivestita e deve apporre la propria firma per esteso e il timbro dell’ufficio.

Poiché le designazioni possono essere contenute in un unico atto per tutti i seggi elettorali del comune, a ogni presidente può essere presentato un estratto con i nominativi dei rappresentanti di lista designati per il proprio seggio.

E’ da ritenere valida anche per l’eventuale turno di ballottaggio la designazione dei rappresentanti di lista effettuata per il primo turno di votazione, fatta salva l’ipotesi i soggetti delegati non presentino nuovi e differenti atti di designazione.

(artt. 32, settimo comma, n. 4, e 35 T.U. n. 570/1960; art. 16 legge n. 53/1990; art. 25,

primo comma, D.P.R. n. 361/1957).

 

Modello di designazione presentata al Segretario Comunale

Modello di designazione presentata al Presidente del seggio

Condividi su:

Vai su