Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti


Aree Tematiche

Home > Aree Tematiche > Politiche sociali > Servizio di Assistenza Domiciliare

Servizio di Assistenza Domiciliare

Che cos'è
È un servizio rivolto ai cittadini o ai nuclei familiari in condizione di temporanea o permanente fragilità, per la presenza di persone anziane non autosufficienti, minori o adulti disabili, o che per esigenze contingenti non si trovano in condizioni di autonomia.

È volto a fornire le seguenti prestazioni:

  • Aiutare la persona nelle attività quotidiane favorendone l'autosufficienza e l'autonomia residue
  • Igiene della persona
  • Igiene della casa
  • Igiene della biancheria
  • Preparazione e somministrazione dei pasti
  • Prestazioni infermieristiche elementari di competenza degli operatori socio-sanitari (supervisione nell'assunzione dei farmaci, medicazione di piaghe superficiali da decubito ecc.) su incarico del Medico
  • Visite accompagnate
  • Disbrigo pratiche burocratiche e commissioni
  • Attività di compagnia volta a far superare il senso di isolamento e a prevenire situazioni di marginalità socialeFornire sostegno psico-sociale ai singoli, alla famiglia, ai gruppi e alla comunità per bisogni semplici e/o complessi;

L'intervento viene erogato da operatori socio-sanitari qualificati e/o assistenti domicilari generici presso il domicilio degli utenti.

Il servizio è gestito dalla Società Cooperativa ADEST, affidataria dell'appalto per conto del PLUS Area Ovest (vedi Link nella Home page del Comune), avente sede in Santadi, Via Monte Sebera n. 1 - Tel. 0781/954161.

A chi rivolgersi
Per richiedere l'intervento è necessario rivolgersi agli uffici del servizio sociale e previo colloquio con un Assistente Sociale, compilare l'apposito modulo. L'ammissione è disposta dal Responsabile del Servizio Sociale, sulla base della disponibilità oraria, previa valutazione dell'Assistente Sociale.

Costi
È prevista una contribuzione da parte dell'utenza in base a fasce di reddito ISEE, in analogia alle disposizioni e criteri stabiliti per l'utilizzo del fondo regionale della non autosufficienza

Condividi su:

Vai su